Storie di vita

Share on facebook
Share on linkedin

Solo in un mondo di solitudine

A 14 anni il mio primo arresto..
Abbiamo anche aiutato i missionari nel consegnare le ceste alimentari destinate alle famiglie inserite nel progetto Coraçaõ. La missione è proseguita nella triste realtà delle favelas e del carcere. Successivamente siamo andati a visitare i bambini nella scuola dove hanno la fortuna di poter mangiare, giocare e anche pregare. Nei prossimi giorni andremo all’ospedale per portare un po’ d’amore e gioia ai bambini ammalati.
Proprio a scuola ho incontrato un bimbo di nome Jefferson di 4 anni che voleva essere preso in braccio da me ed è stato un’ora tra le mie braccia mentre passeggiavo in silenzio con lui nei grandi corrodoi della scuola. Con tanta semplicità gli accarezzavo la testa! Al momento in cui dovevamo ripartire non voleva lasciarmi andar via. Il mio cuore si è spezzato e ho pianto con lui. Non volevo più lasciarlo, ma non potevo fare diversamente se non cercare di dargli l’affetto paterno di cui aveva bisogno per quel poco ma importante tempo che Dio ci ha donato di vivere insieme. Un’altra storia drammatica succede qualche giorno prima, a pochi minuti dal nostro alloggio. A causa dell’orribile legge delle favelas hanno sparato ad una donna davanti ai suoi figli ed è stata la terza vittima in una settimana.
Condividi pagina
Share on facebook
Share on linkedin

[altre Testimonianze ]

News ed eventi

Blog

Dalle tenebre alla luce

Don Antonio Coluccia fonda l’Opera Don Giustino e grazie alla L.109/96, per il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla criminalità organizzata, accoglie nella villa del

Condividi pagina
Blog

Un mondo di tenebra

Don Antonio Coluccia fonda l’Opera Don Giustino e grazie alla L.109/96, per il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla criminalità organizzata, accoglie nella villa del

Condividi pagina
Scroll Up